Seminario “Guerre dal cielo. I bombardamenti sulle città nel Novecento”

Nel corso della seconda guerra mondiale anche l’Italia conobbe il significato della cosiddetta “guerra totale”: i bombardamenti degli Alleati, finalizzati alla sconfitta del nazi-fascismo, ebbero conseguenze tanto inevitabili quanto tragiche anche sulla popolazione civile. 

Tra il febbraio 1944 e l’aprile 1945 Modena subì centinaia di attacchi dal cielo che cambiarono drasticamente il volto della città e la vita dei suoi cittadini: centinaia furono i morti, migliaia gli sfollati e i profughi da altre parti d’Italia; vennero costruiti tra le strade cittadine decine di rifugi anti-aerei; la guglia della torre Ghirlandina fu dotata di una sirena d’allarme; le opere d’arte contenute nelle chiese e negli spazi di Palazzo dei Musei vennero messe precipitosamente in sicurezza.

Nell’ambito del progetto Quando (anche qui) cadevano le bombe. 1944-1945: le incursioni alleate su Modena, venerdì 1° marzo dalle ore 17, presso la sala Truffaut (via degli Adelardi 4, Modena), si terrà il seminario di studi Guerre dal cielo. I bombardamenti sulle città nel Novecento.

Dopo i saluti di Gianpietro Cavazza (Vicesindaco di Modena) e l’introduzione di Metella Montanari (direttrice Istituto storico di Modena), l’incontro sarà presieduto da Carlo Altini ((Università di Modena e Reggio Emilia) e vedrà gli interventi di

Costantino Di Sante (Università del Molise), I bombardamenti sulle popolazioni nella Seconda guerra mondiale. Da Modena all’Europa

Pier Paolo Portinaro (Università di Torino), Le trasformazioni della guerra dopo il 1945. Tra teoria e prassi

Barbara Henry (Scuola Superiore Sant’Anna, Pisa), Diritti umani e disumanizzazione del nemico in età contemporanea

Condividi su

Facebook
LinkedIn
Email

Scopri altri eventi