Chiesa di San Vincenzo

La devastazione provocata dal bombardamento del 13 maggio 1944

Le bombe sganciate su Modena il 13 maggio 1944 colpiscono prevalentemente il centro della città e provocano gravi danni al patrimonio artistico e monumentale.

In particolare sono colpite le chiese: quella di San Vincenzo, custode delle tombe dei duchi Estensi, è bersaglio di almeno due bombe, andando distrutta per metà. Subisce danni anche il Duomo, con la Porta dei Principi e il Lapidario danneggiati; nella Chiesa di San Domenico sono distrutti l’abside e una parte della facciata e della Cappella laterale, mentre la Chiesa di San Salvatore viene completamente abbattuta.
Severamente colpiti sono anche il palazzo della Poste e l’Archivio notarile, oltre che una parte dell’educatorio di San Paolo e alcune scuole, sedi di ospedali militari. Nello stesso bombardamento è colpito anche il Palazzo Ducale, all’epoca conosciuto come sede dell’Accademia di Cavalleria e Fanteria: a essere danneggiati sono il balcone centrale e uno dei lati del palazzo.

Chiesa di San Vincenzo, danneggiata dal bombardamento del 13 maggio 1944 che colpisce il centro storico di Modena per un errore strategico.

[Archivio ANCR, Istituto storico di Modena]